Archivi categoria: Varie

Limonata all’ananas, basilico e timo

INGREDIENTI: limoni 2, succo di ananas 750ml, zucchero di canna 4 cucchiai, timo 1 ciuffetto, basilico 1 ciuffetto, 1 pezzetto di scorza di limone, acqua minerale naturale qb.

Tritare una manciata di foglioline di timo, il basilico, un pezzetto di scorza di limone non trattato con 1 cucchiaio di zucchero di canna. Spremere i limoni, versarli in una brocca, aggiungere lo zucchero di canna rimanente, il succo di ananas e acqua sufficiente per arrivare a 1 litro e 1/2 di liquido totale. Unire il trito aromatico alla limonata all’ananas e lasciar riposare al fresco per almeno 2 ora. Prima di servire la bevanda filtrarla.

Salame dolce con cioccolato e ricotta

INGREDIENTI: zucchero a velo 40gr, biscotti frollini 180gr, cioccolato al latte 200gr, ricotta 250gr, burro 35gr, nocciole 70gr + quelle per la decorazione.

 

Avvolgere i biscotti in un pezzo di carta da forno e sminuzzali con il batticarne. Mettere le nocciole sgusciate e tostate nel mixer con 20gr di zucchero a velo e tritare, azionando la lama a intermittenza, in modo che alcune risultino fini e altre a pezzetti. Spezzettare il cioccolato al latte, disporlo in un pentolino o in una ciotola, unisci il burro tagliato a pezzetti e far sciogliere a bagnomaria. Togliere dal bagnomaria e mescolare per 3-4 minuti, in modo da ridurre leggermente la temperatura. Incorporare la ricotta freschissima, 20 g di zucchero a velo, le nocciole e i biscotti preparati. Amalgamare  bene, mescolando con una spatola flessibile. Bagnare e strizzare un foglio di carta da forno. Trasferire il composto preparato al centro, dandogli la forma di un tronchetto, poi avvolgerlo nella carta, facendolo rotolare e premendo con le mani, in modo da eliminare eventuali vuoti di aria e dandogli una forma cilindrica regolare come  per preparare il classico salame di cioccolato. Chiudere il rotolo ottenuto a caramella, fissarlo con spago da cucina e disponilo in frigorifero per 4-5 ore. Togliere il salame di cioccolato dalla carta da forno, taglialo a fette abbastanza spesse e disporle in un vassoio. Guarnire, a piacere, con qualche altra nocciola tostata e servire.

Polpettine di piselli

INGREDIENTI: piselli freschi 500gr, ricotta 150gr, pane grattato 120gr, semi di sesamo 50gr, parmigiano 40gr, foglie di menta 7, aglio 1 spicchio, uova 1, sale e pepe qb., yogurt magro 200gr, olio evo qb.

 

Portare a ebollizione abbondante acqua in una pentola, salare e versare i piselli freschi  direttamente nell’acqua bollente. Far riprendere il bollore e cuocere per circa 12 minuti. Scolarli, lasciarli intiepidire, frullarli al mixer con 2-3 cucchiai della loro acqua di cottura e lo spicchio di aglio spellato e tagliato a pezzettini. Mettere il purè di piselli in una ciotola e amalgamarla alla ricotta. Aggiungere il parmigiano reggiano, 40 g di pangrattato, l’ uovo e 3-4 foglie di menta finemente tritate. Regolare di sale e pepe e mettere il composto in frigorifero per 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, inumidire le mani e formare con il composto tante polpettine grandi come una noce. Se il composto risulta troppo morbido, unire altro pangrattato.
Mescolare in un vassoio il pangrattato rimasto con i semi di sesamo,  passare le polpettine di piselli nel pangrattato e sesamo e disporle sulla teglia foderata con carta da forno bagnata e strizzata (senza alcun condimento). Cuocere le polpettine in forno già caldo a 200° C per circa 15 minuti, girandole a metà cottura. Nel frattempo, versare lo yogurt in una ciotola, insaporirlo con poco sale e pepe, un filo di olio e spolverizzare con le foglie di menta rimaste spezzettate con le mani. Servire le polpettine di piselli al sesamo con la salsa allo yogurt preparata.

 

 

Le Arance

Varietà navel

L’arancia navel ricca di succo è una di quelle con minor grado di acidità. La varietà Washington Navel di Ribera in particolare è a polpa bionda, priva di semi e con un’elevatissima concentrazione di succo: quasi il 40% del totale del frutto. Le varietà di arancia navel e navelina sono dolci e hanno molto succo di colore giallo. Ottime sia per essere spremute sia per essere consumate intere.

Varietà vaniglia

Si tratta sempre di un’arancia bionda(succo giallo) dal grado di acidità irrisorio (tra lo 0,05% e lo 0,15%). Questa arancia è povera di zuccheri ed è dunque perfetta anche per chi ha bisogno di tenere sotto controllo la glicemia. La varietà più celebre è l’arancia Vaniglia Apireno di Ribera.

Varietà sanguinello

L’arancia sanguinello fa parte delle arance cosiddette rosse (il suo succo ha una colorazione rossa). Il nome deriva dalle particolari screziature della polpa. Anche questa varietà di arancia contiene circa il 40% di succo, è quindi ottima sia per essere spremuta sia per essere consumata intera.

Varietà ovale

Si tratta di un’arancia a polpa bionda, dalla maturazione tardiva. Ha  una forma ovale, è priva di semi e ha la polpa succosa e dolce. L’arancia ovale si presta sia a essere spremuta che consumata a spicchi. Inoltre, si tratta di un frutto perfetto per preparare i dolci, soprattutto le marmellate e i canditi.

Varietà newhall

Le arance newhall sono frutti di dimensione medio-grande, con un succo arancione tendente al rosso. Si tratta di una varietà estremamente versatile. La varietà newhall è ricca  di succo, dunque si adatta bene anche a essere spremuta, e ha una buccia molto profumata. Questo tipo di arancia viene impiegata in particolare per la produzione di liquori e canditi.

Varietà tarocco

L’arancia tarocco è un’arancia rossa, dalla polpa intensamente gustosa. Ha dimensioni grandi e un aroma tendente alla fragola, la buccia è liscia e sottile. Priva di semi, l’arancia tarocco è pregiata e si consiglia di consumarla intera a spicchi.

Varietà moro

Si tratta di un’arancia rossa.La polpa è senza semi ed è intensamente colorata, segno dell’elevata presenza di antociani (antiossidanti potentissimi). Ha un gusto molto intenso e dimensioni più piccole dell’arancia tarocco. La varietà moro è ottima soprattutto spremuta.

Varietà valencia

Questa tipologia di arancia è a polpa bionda e contiene alcuni semi. L’arancia valencia si presta soprattutto a essere spremuta e ha un elevato livello di acidità. L’arancia valencia ha maturazione tardiva. La sua polpa contiene molti zuccheri.

Varietà belladonna

Le arance belladonna sono ovali e di solito senza semi. La dimensione di questo tipo di arancia è media e la buccia è spessa. Il contenuto di succo nella belladonna è elevato, la polpa è fine e croccante. Si tratta di un cultivar eccellente per la preparazione di spremute nonché per essere consumata a tavola. È una varietà di arancia ricchissima di zuccheri.

Tagliatelle di carnevale

INGREDIENTI: pasta all’uovo tagliatelle paglia e fieno 100gr, parmigiano un paio di  cucchiai, piselli una manciata, ravanelli 2, 1/2 zucchina, carote 1/2, sale qb, olio evo qb.

Tagliare tutte le verdure a piccole rondelle e cuocerle brevemente al vapore, in modo che rimangano ben croccanti. Aggiungere pure delle verdure a scelta per fare i coriandoli (per esempio carote nere e arancioni, pisellini, ravanelli, zucchine). Lessare le tagliatelle fresche all’uovo al dente in abbondante acqua poco salata, scolarla e condirla con le verdure, un filo d’olio versato a crudo e uno o due cucchiai di formaggio grattugiato.

Zuppa con cavolo nero

Ingredienti: cavolo nero 500gr, patate 300gr, pomodori 300gr, fagioli cannellini in scatola 250gr, pane toscano 4 fette, olio evo 3 cucchiai, rametti di timo 2, brodo vegetale 1,5l, sedano 1 costa, carota 1, cipolla 1, aglio 1 spicchio, alloro 1 foglia, guanciale qb, sale pepe qb.

 

Pulire la carota, la cipolla e il sedano, tritarli grossolanamente,  rosolarne metà in una casseruola per 2-3 minuti, con 2 cucchiai di olio evo e l’alloro pulito. Unire i pomodori pelati,  il timo  e 2 mestoli di brodo; far cuocere per 10 minuti, salare, pepare, eliminare l’alloro e passare la salsa al setaccio. Mondare il cavolo nero, staccando le foglie e asportando la nervatura centrale, poi lavarlo e tagliarlo a pezzi. Far rosolare in una casseruola l’altra metà degli odori con l’olio evo rimanente, unire il guanciale tagliato a metà, le patate pelate e ridotte a dadini, il cavolo nero e i fagioli ben scolati. Lasciar insaporire per 2-3 minuti, poi unire il brodo, la salsa di pomodoro e lasciar cuocere per circa 1 ora e 30 minuti, infine eliminare il guanciale. Abbrustolire le fette di pane toscano, strofinarle con l’aglio mondato; servire la zuppa nelle scodelle individuali con 1 fetta di pane ciascuno.